Tu sei qui

BACCALAUREAT 2021

QUALI SONO I PRINCIPI ESSENZIALI DEL BACCALAURĒAT 2021 ?

    Per quanto riguarda il baccalauréat generale, scompaiono le tre serie distinte – letteraria (L), economica e sociale (ES) e scientifica (S) – per lasciare il posto a una base di materie comune a tutti gli allievi, con in più alcune discipline cosiddette « specialistiche », scelte dagli allievi stessi, ed eventualmente altre materie opzionali, sempre a discrezione degli allievi. Per quanto riguarda il baccalauréat tecnologico, viene invece mantenuta l’organizzazione in serie. Che si tratti del percorso generale o del percorso tecnologico, gli allievi seguiranno tre materie specialistiche in première, per poi approfondirne due in terminale.  Una di queste tre materie verrà dunque abbandonata alla fine della première.

   Le prove finali, che contano per il 60% ai fini del voto definitivo al baccalauréat, verranno intensificate : una prova anticipata di francese (scritto e orale) in première e quattro prove in terminale : materia specialistica 1, materia specialistica 2, filiosofia e orale finale. L’esame orale finale è una delle grandi novità del baccalauréat 2021. Il « contrôle continu » (valutazione costante durante l’anno) conta per il 40% nel voto finale, ed è composto per il 10% dalle pagelle di première e terminale, e per il 30% dalle prove previste durante l’anno.

 

Per riassumere:

  • L’obiettivo è quello di riequilibrare le varie prove d’esame, dato che in passato l’esame finale si è prospettato troppo pesante, con molte differenze a seconda del percorso scelto, e con troppe prove condensate in poco tempo.
  • Viene dato più ampio spazio all’esame orale.
  • Viene maggiormente  considerato il lavoro svolto dall’allievo durante l’anno.
  • La progressiva specializzazione permette di personalizzare il percorso e il progetto dell’allievo, che sarà così più preparato ad affrontare con successo gli studi superiori.

Sostiene Jean-Michel Blanquer, ministro francese dell’Istruzione :  il nuovo baccalauréat « permette di meglio accompagnare il lavoro dei liceali nel corso del biennio première-terminale, e fornendo loro la possibilità di  maggiori approfondimenti, contribuisce maggiormente al successo dei loro studi futuri ».

Si può dire che il nuovo bac diminuisca il valòre del precedente, già ottenuto in passato da tanti allievi nella rete mondiale delle scuole francesi ?

Assolutamente no. Il baccalauréat conserva sempre lo stesso valore, a prescindere dalle diverse sessioni e dai suoi cambiamenti nel tempo. Questo diploma, che è uno degli elementi emblematici del sistema educativo francese, sancisce il completamento degli studi secondari e apre l’accesso agli studi superiori. La sua evoluzione nel tempo è segno del dinamismo del sistema educativo francese e della sua capacità di rimanere al passo con i tempi.

chi saranno i primi allievi alle prese con il nuovo bac ?

Gli allievi che hanno frequentato la seconde durante l’anno scolastico 2018-2019 (2019 per il calendario Sud) e che sono entrati in première nel mese di settembre 2019 (febbraio 2020 per il calendario Sud) ; quindi, quelli che hanno iniziato a seguire le materie della base comune e le materie specialistiche di loro scelta.

Quali sono le materie che formano la base comune in premiĒre e in terminale ?

  • Francese (in première)
  • Filiosofia (in terminale)
  • Storia-geografia
  • Educazione morale e civica
  • Lingua straniera  A
  • Lingua straniera B
  • Educazione fisica e sportiva
  • Insegnamento scientifico (nel percorso generale) // Matematica (nel percorso tecnologico).

Quali sono le materie specialistiche proposte ?

Nel percorso generale, le undici materie specialistiche  « si articolano in ambiti diversi, e possono essere assemblate senza rinchiudere gli allievi in percorsi recintati. La combinazione delle materie deve aprire ai liceali orizzonti diversi.» (MENJ) :

  • Storia-geografia, geopolitica e scienze politiche
  • Scienze umanistiche, letteratura e filiosofia
  • Lingue, letterature e culture straniere (inglese o tedesco o spagnolo o italiano)
  • Matematica
  • Fisica, chimica
  • Scienze della vita e della Terra
  • Scienze economiche e sociali
  • Scienze ingegneristiche
  • Arti (cinema-audiovisivo, storia delle arti, teatro, musica, arti circensi, danza o arti plastiche)
  • Mondo digitale e scienze informatiche
  • Letteratura, lingue e culture antiche (latino o greco)

 

   Va posta attenzione al fatto che non tutti gli istituti propongono la totalità delle materie specialistiche ; negli istituti all’estero, queste materie sono oggetto di una omologazione annuale da parte del Ministero dell’Istruzione francese.

Ecco la lista delle materie specialistiche omologate per l’anno 2019-2020 : tabella da scaricare  dalla  pagina « L’omologazione : principi e procedure » del sito éduscol
 
Per  quanto riguarda le serie tecnologiche, le materie di specializzazione sono predeterminate. Nella rete AEFE, il percorso tecnologico è poco rappresentato :

  • la serie STI2D (scienze e tecnologie dell’industria e dello sviluppo sostenibile) viene proposta dal liceo franco-messicano a Città del Messico e dal liceo Albert 1er a Monaco ;
  • la serie STMG (scienze e tecnologie del management e della gestione) viene proposta da una trentina di istituti.

Come scegliere le materie specialistiche ?

   Alla fine della seconde, gli allievi scelgono tre materie specialistiche che poi seguiranno in première. In occasione del consiglio di classe del secondo trimestre di première, sceglieranno fra queste tre materie le due che approfondiranno in terminale. Le materie specialistiche dovranno essere scelte dagli allievi in funzione delle loro attitudini, dei loro interessi e dei loro punti forti, ed in relazione ai loro progetti formativi post-bac. Le considerazioni sulle formazioni proposte sono indicati su  Parcoursup. Non riguardano direttamente le materie specialistiche ma piuttosto le competenze necessarie per ottenere buoni risultati nel percorso scelto. Per meglio accompagnare gli allievi nel Ioro progetto e nelle loro scelte, verranno rinforzati i momenti dedicati all’ orientamento.

strumenti da consultare o utilizzare :

Presentazione del servizio orientamento e insegnamento superiore (SORES) dell’AEFE :

Diaporama "Dopo la seconde – Scegliere il proprio baccalauréat" (Speciale riforma "baccalauréat 2021") 

quandjepasselebac.education.fr

Presentazione delle materie specialistiche e dei programmi scolastici corrispondenti di première e terminale

Strumento interattivo dell’ONISEP :

http://www.horizons2021.fr

Il servizio di orientamento on line :

Monorientationenligne.fr, un servizio gratuito di assistenza personalizzata via telefono, mail e chat fornito dall’ONISEP, che offre la possibilità di ottenere informazioni sulle professioni, le formazioni, i percorsi di studio e l’orientamento.

Che fare quando un allievo desidera scegliere una materia specialistica non disponibile in un dato istituto, O se  aveva giÀ iniziato a seguire la detta materia in un istituto precedentemente frequentato ? (ex : TRASLOCO)

   Un allievo potrebbe voler seguire una materia specialistica che non risulta però omologata  nel liceo francese che frequenta all’estero.  Una nota dell’AEFE esamina le possibili soluzioni, invitando gli istituti coinvolti a studiare le possibilità di reciproci accordi con licei nelle vicinanze se la materia vi è omologata, oppure a ricorrere al CNED per lezioni a distanza ; si precisa però che si tratterebbe di un caso del tutto eccezionale e in deroga, in quanto la rete omologata dell’insegnamento francese all’estero si basa sull’insegnamento in presenza. Vedere le Risorse documentali  di aefe.fr : Il CNED per l’ultimo ciclo del liceo (materie specialistiche)

L’insegnamento di una materia specialistica da parte del CNED a beneficio di un allievo che frequenti un istituto omologato è subordinato a due condizioni :

  • La capacità da parte dell’istituto di garantire un efficiente supporto pedagogico all’allievo interessato ;
  • La capacità dell’istituto partner, incaricato di organizzare l’esame, di garantire la valutazione dell’allievo (correzione di compiti e/o di prova orale a seconda dei casi) alla fine della première o della terminale, a seconda che la materia specialistica venga abbandonata alla fine della première, o continuata in terminale.

Se queste due condizioni non dovessero  sussistere, la richiesta in deroga potrà essere rigettata.

Ē Possibile  nel corso dell’anno modificare la scelta di una materia specialistica ?

La scelta delle materie specialistiche da parte dell’allievo matura progressivamente grazie all’accompagnamento dell’allievo stesso da parte dell’équipe educativa, in particolare nell’ambito del percorso Avenir (l’obiettivo del percorso Avenir è quello di aiutare gli allievi a costruire un percorso coerente di formazione e orientamento, compresa la preparazione del post-bac).  Fin dal secondo trimestre della seconde, gli allievi e le famiglie formulano le loro preferenze sulla scheda-dialogo, preferenze che sono poi oggetto di raccomandazioni da parte del consiglio di classe.  Nel terzo trimestre il dialogo continua per giungere poi a fine anno alle scelte definitive. Tuttavia, in casi particolari l’allievo potrebbe essere portato, d’accordo con l’équipe pedagogica, a rivedere le sue scelte nel corso o alla fine della classe di première. Questi casi particolari vengono valutati localmente, e devono essere considerati casi eccezionali.

Quali sono le materie opzionali che Ē possibile scegliere in premiĒre e in terminale ?

Se disponibili nell’istituto frequentato, in première e in terminale gli allievi del percorso generale possono scegliere  una tra le seguenti materie :

  • Lingua straniera C
  • Arti
  • Educazione fisica e sportiva
  • Lingue e culture antiche (questa opzione « LCA »  è cumulabile con un’altra opzione)

In classe di terminale, gli allievi possono ulteriormente arricchire il proprio percorso aggiungendo se lo desiderano anche una tra le seguenti materie :

  • « Il diritto e le grandi sfide del mondo contemporaneo »
  • « Matematica superiore » per gli allievi che hanno scelto « matematica » in terminale
  • « Matematica complementare » per gli allievi che non hanno scelto « matematica » in terminale

Le opzioni verranno valutate nell’ambito del « contrôle continu ». Caso particolare : le lingue e le culture antiche (latino e greco) possono apportare dei punti di bonus al baccalauréat se i voti risultano essere sopra la media : una « spintarella » atta a incoraggiare lo studio delle lingue antiche...

Nell’ipotesi in cui un allievo segua un numero di opzioni facoltative maggiore di quello previsto dal regolamento, verranno conteggiate per il baccalauréat solo le due migliori medie annuali raggiunte in queste materie opzionali.

Come sono organizzate le prove comuni di controle continu (E3C) che contano per il 30% nel voto finale ?

   Queste prove, dette E3C, sono organizzate in tre fasi nell’istituto frequentato dall’allievo :

  • Una prima serie di prove in  première, nel corso del secondo trimestre
  • Una seconda serie di prove in première, nel corso del terzo trimestre
  • Una terza serie di prove in  terminale, nel corso del terzo trimestre

  Non ci sono date fissate per queste prove ; sono gli istituti a determinarle, entro il limite di una scadenza fissata dall’accademia partner incaricata di organizzare l’esame. I vari istituti ricorrono a una banca dati di argomenti approntata dal Ministero francese sotto il controllo dell’Ispettorato. I compiti sono anonimi e vengono corretti da professori diversi da quelli degli allievi.

   Le E3C, che contano per il 30% nel voto finale del baccalauréat, vertono sulla materia specialistica seguita in première ma che non è stata mantenuta in terminale (coefficiente 5) e sulle seguenti materie comuni :

  • storia-geografia (coefficiente 5)
  • lingue straniere A e B (coefficiente 5 per ognuna)
  • materia scientifica per il percorso generale o matematica per il percorso tecnologico (coefficiente 5)

L’educazione fisica e sportiva (EPS) rimane valutata come in precedenza durante tutto l’anno di terminale (coefficiente 5).

Quali elementi concorrono a formare il 10% del voto finale al baccalaureat in relazione ai voti in pagella ? (o voto nel libretto scolastico) ?

Viene considerata la media annuale che figura nel libretto scolastico in première e in terminale : coefficiente 5 per la media annuale ottenuta in première, e coefficiente 5 per la media annuale ottenuta in terminale. Tutte le materie contano allo stesso modo, sia che si tratti di materie obbligatorie, sia che si tratti di materie opzionali. I voti ottenuti nelle prove comuni di contrôle continu (E3C) non vengono conteggiati nel calcolo delle medie che figureranno nel libretto scolastico.

Quali sono le prove finali che contano per il 60% nel voto ottenuto al baccalaureat ?

Le prove finali sono le seguenti:

  • francese, alla fine della première, scritto (coefficiente 5) e orale (coefficiente 5)
  • prove scritte nelle due materie specialistiche, nel corso dell’anno di terminale (coefficiente 16 per ognuna)
  • prova scritta di filosofia, alla fine della terminale (coefficiente 8 per il percorso generale ; coefficiente 4 per il percorso tecnologico)
  • prova orale finale (detta « Grand Oral ») alla fine della terminale (coefficiente 10 per il percorso generale ; coefficiente 14 per il percorso tecnologico)

In cosa consiste la prova orale finale ?

La nuova prova orale finale dura 20 minuti e comporta la presentazione di un progetto elaborato in première e in terminale e collegato alle materie specialistiche seguite dall’allievo ; segue poi il colloquio con la commissione d’esame.

Qual Ē il voto finale minimo necessario per ottenere il baccalaureat « al primo colpo » ? o per potersi presentare alla sessione di recupero ?

Per ottenere il bac, è necessaria una media generale minima di 10/20. Un allievo che abbia ottenuto una media generale superiore o uguale a 8 e inferiore a 10 può presentarsi alle sessioni di recupero, che consistono in due prove orali scelte dall’allievo tra le quattro materie per le quali si sono svolte prove finali scritte (francese, filososfia e le due materie specialistiche).

Ē stato conservato il sistema delle menzioni ?

   Sì: Menzione « abbastanza bene » : media generale tra 12/20 e 14/20

         Menzione « bene» :           media generale tra 14/20 e 16/20

         Menzione « molto bene » :    media generale di 16/20 o più

Non è possibile ottenere una menzione se si è in sessione di recupero.

La rete dell’AEFE prevede un supporto agli istituti nel rendere operative le modalita’ del nuovo baccalaureat ?

Sono state organizzate forme permanenti e diversificate di sostegno agli istituti : gruppi di lavoro nei vari paesi, seminari tenuti da insegnanti/formatori delle varie materie, sistema di formazione continua, visite degli ispettori dell’AEFE, supporto pedagogico agli insegnanti/formatori, messaggeria dedicata...senza dimenticare il collegamento permanente con le accademie partner, incaricate dell’organizzazione degli esami.

Rimane ancora la possibilita’ di dare gli esami del bac all’estero per i « candidati privatisti » ?

I regolamenti prevedono il caso particolare di quei candidati che non frequentano un istituto scolastico omologato : per questi candidati « privatisti », o « a titolo individuale » il « contrôle continu » assume necessariamente una forma diversa :

  • non avendo pagelle a disposizione, non può esserci un voto di libretto scolastico (10%) da considerare ; 
  • il candidato viene convocato alla fine dell’anno di première per un esame (E3C) nella materia specialistica che non è oggetto di esame finale ;
  • il candidato viene di nuovo convocato durante il secondo trimestre della terminale per sostenere un esame (E3C) in ognuna delle altre materie che sono oggetto delle prove comuni di « contrôle continu ».  

La somma dei voti così ottenuti conta per il 40% nel voto finale del baccalauréat. Se il candidato si iscrive unicamente in terminale, questi esami E3C vengono dati  nel corso dello stesso anno. Per quei candidati il cui statuto è quello detto « CNED regolamentato », l’intermediario del CNED terrà conto del voto che figura nel libretto scolastico (10%). Questo tipo di statuto dello studente presuppone una convenzione tra il CNED e l’istituto. I candidati del « CNED regolamentato » sostengono peraltro gli stessi esami E3C che vengono sostenuti dai privatisti, e che vengono in questo caso conteggiati per il 30% nel voto finale del baccalauréat. In ogni caso, i candidati verranno convocati agli esami E3C in un istituto scolastico facente parte della rete di istituti omologati.

Liceo